Birdwatching

 

Il Delta del Po possiede un patrimonio ornitologico straordinario con oltre 370 specie di uccelli acquatici, stanziali, migratori e di passo che possono essere osservati in ogni angolo del territorio.

Via delle Valli Sud (4)

Grandi specchi vallivi e lagunari, in cui si possono scorgere migliaia di anatidi, trampolieri e limicoli in tutte le stagioni. Il tratto da Porto Levante al Po di Maistra è attrezzato con torrette di avvistamento e punti di osservazione.gruccioni14

Oasi di Ca' Mello (7)
Gestita da Veneto Agricoltura, ha una torre di avvistamento. S'incontra il Basettino.

Valle Canelle (2)
All'altezza dell'incrocio tra la provinciale di Rosolina Mare e la Via delle Valli, sulla destra, garzaia di aironi rossi e cinerini. D'estate è facile avvistare i fenicotteri rosa percorrendo Via delle Valli che inizia poco lontano.

Po di Maistra (4)
Il fiume, anticamente ramo principale, è ritenuto il più spettacolare del Delta per la ricchezza e la varietà di avifauna che lo popola, oltre che per la presenza di un patrimonio arboreo ripariale davvero incredibile.

 

 

 

 

 

 

f11 fenicotteri

Censimenti di anatidi ed uccelli ittiofagi nel Delta del Po

I censimenti sono affidati dalla Provincia di Rovigo e da Veneto Agricoltura all'Associazione Faunisti Veneti, esperta nel settore della ricerca faunistica.
Valli, lagune e rami del Po vengono scrutati quasi palmo a palmo con cannocchiali e binocoli. Sono in attività contemporanea circa 30 operatori in diversi siti. I conteggi riguardano anatre e cormorani, aironi e limicoli, gabbiani e rapaci. In pratica tutto il variopinto e starnazzante mondo alato delle nostre zone umide. Inoltre le zone più rilevanti vengono monitorate, anche con l'impiengo di natanti. In alcuni casi è stata sorvolata la zona anche con un piccolo velivolo grazie alla collaborazione della Polizia provinciale e dell'Ente produttori di selvaggina.
La quantità di specie e di individui contati nel Delta veneto è impressionante. In inverno sono presenti fino ad oltre 130mila volatili, la maggior parte dei quali è rappresentata anche da specie di interesse venatorio. Tra queste, per esempio, spicca la presenza del fischione. Non mancano peraltro specie particolarmente rare o, considerate originali della letteratura scientifica. Si pensi al fenicottero, alla spatola, all'avocetta, o al tarabuso e alla moretta tabaccata.
Questa enorme quantità di uccelli è attirata qui dalla complessità e dalla bellezza del Delta. Uno teatro naturale che offre ambienti diversificati e grandi possibilità di nutrimento. La parte del leone la fanno ovviamente la valli, la cui gestione appositamente indirizzata, attira gli acquatici. Ma grandi quantità di anatidi frequentano anche le golene del Po e il litorale antistante gli scanni. 

PROGETTO CLIMAPARKS - STAZIONE DI INANELLAMENTO SUL PO DI MAISTRA

L’Ente parco regionale veneto del Delta del Po nell'ambito del Progetto Climaparks ha inoltre partecipato con iniziative inerenti la conservazione della biodiversità e la promozione di comportamenti ecosostenibili, tra queste una campagna di monitoraggio dei passeriformi, specie che permette di fornire uno status sulla naturalità delle aree d’indagine. I monitoraggi hanno raccolto una serie di informazioni, fornendo ulteriori dati per valutazioni sugli indici ecologici dell’area. L’Ente ha inoltre acquistato attrezzatura tecnico-informatica, tra le quali due centraline per la raccolta di dati sul clima posizionete a San Basilio e a Porto viro.

 La stazione, gestita da Sagittaria per le attività di inanellamento scientifico dei Passeriformi previste dal progetto CLIMAPARKS dell'Ente Parco Regionale Veneto del Delta, era ubicata all'interno della Golena di Ca' Pisani, nello splendido Po di Maistra. Sono state effettuate 4 sessioni di cattura, con l'inanellamento complessivamente di oltre 100 soggetti appartenenti a numerose specie. Tra queste Torcicollo, Forapaglie comune, Cannareccione, Balia nera, ecc...

    Per saperne di più guarda la relazione intermedia relativa al Monitoraggio delle popolazioni di Passeriformi ed altre specie, mediante la metodica dell’inanellamento a sforzo costante  o richiedi la pubblicazione finale del Progetto 

  
I monitoraggi continuano ,   
chi è interessato a partecipare scriva a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

Il Delta del Po

Parco del DeltaDetto il "dolce gigante", il Po, il fiume più lungo d'Italia, con i suoi 650 chilometri attraversa la pianura Padana fino all'Adriatico, dove sfocia a delta, dando vita ad una delle più vaste zone umide europee e del Mediterraneo.

Leggi tutto...

Vivere il Delta

Vivere il DeltaIl Delta del Po è una terra stupenda ancora in buona parte sconosciuta, da percorrere lentamente, scoprendo la dolcezza del paesaggio, l'accoglienza calda e ruvida dei casoni, l'emozione dei ponti di barche, il mistero dei folti canneti, i vasti orizzonti, le attività nelle valli, nelle lagune e negli orti, fino al fascino della foce e degli estremi scanni, lembi di sabbia finissima in continuità con il mare. 

Leggi tutto...

Scarica l'App ufficiale
Get it on Google Play

Scan me!
Scan me & Get on Google Play!

Oppure visita la versione mobile da tutti i dispositivi
Scan me & e browse!

Manifestazioni - Eventi

Eventi 2018

P5030229 comp

La pagina delle manifestazioni del Parco e dei comuni del Parco è in continua evoluzione e viene periodicamente aggiornata con l'inserimento costante dei nuovi eventi

Leggi tutto...